Isola d'Ischia
- Piccolo dizionario storico topografico biografico

(voci tratte dal libro "Isola d'Ischia - tremila voci titoli immagini" di Raffaele Castagna, edito da La Rassegna d'Ischia)


A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | X | Y | Z
-     Home
....


<<<

Premio Agostino Lauro

Premio Coppa di Nestore
Premio Cristofaro Mennella
Premio della Cortesia
Premio di Poesia Ciro Coppola
Premio Domenico Rea
Premio Int. La Colombaia
Premio Ischia Intern. di Giornalismo
Premio Isola d’Ischia
Premio Ischia Onofrio Buonocore
Premio Letterario Maria Fr. Iacono
Premio Luchino Visconti
Premio per autori cinematografici             Angelo Rizzoli
Premio Paolo Buchner
Premio per il giovane cinema
Presepe in famiglia
Primavera della canzone
Principesse (Bagno delle)
Privilegi Aragonesi.
Pro Casamicciola Terme
Procida
Prof.ssa di scienze naturali, La (Film)
Pro-Loco S. Alessandro
Promontorio S. Angelo
Provitola, Gilberto
Ptèride
Punta Caruso
Punta Chiarito
Punte
Purrmann, Hans

            <<<

 
   

      Premio Agostino Lauro “Una vita sul mare”. Istituito dalla famiglia Lauro per ricordare la figura di colui che ha speso una vita sul mare ed ha notevolmente contribuito allo sviluppo dell’isola d’Ischia, con riconoscimenti assegnati a personalità del mondo della politica, della cultura, dell’artge, dello sport e dello spettacolo.

     Premio Coppa di Nestore. Istituito dal Comune di Lacco Ameno nell’anno 2000, e legato al reperto archeologico più importante venuto alla luce negli scavi di San Montano (necropoli) e prezioso per la sua iscrizione. Esso intende assegnare un riconoscimento a personaggi distintisi nel campo sociale nazionale ed internazionale, per la difesa dei diritti umani. Nelle prime edizioni sono stati premiati Maria Pia Fanfani, Gino Strada, Emma Bonino. Nel 2004 il riconoscimento è andato all’Arma dei Carabinieri, per ricordare i caduti di Nassiriya in Iraq. Nel 2005 sono state premiate Clementina Cantoni, collaboratrice di CARE International, e Suor Paola Costanzi. <<<

     Premio Cristofaro Mennella. Organizzato dal Centro Studi Isola d’Ischia nel 1986, per ricordare lo scienziato isolano, autore di varie pubblicazioni ed esponente di rilievo nel panorama culturale e politico dell’isola e di Casamicciola, nel decennale della morte. Fu premiato Michele Iannibelli di Napoli, autore di una tesi di laurea in climatologia. <<<

     Premio della Cortesia e dell’Ospitalità. Istituito dall’EVI (Ente Valorizzazione Isola d’Ischia) nel 1964, ebbe invero soltanto poche edizioni, senza continuità negli anni; era assegnato a cittadini dei sei Comuni isolani e ad altri italiani e stranieri che svolgevano la loro attività sull’isola, ritenuti particolarmente meritevoli per gesti di cortesia e di ospitalità opportunamente segnalati dai cittadini. Il Premio fu anche ripreso nel 1971 dal Club Ischia nel mondo, e il 23 maggio nel Cinema Excelsior d’Ischia furono premiati per il 1970: (con medaglia d’oro) Francesco Calise di Casamicciola, Marietta Calise di Lacco Ameno, Mario Di Ruzza di Ischia; (con medaglia d’argento) Antonio Cervera di Ischia, Nicola Iacono di Barano, Girolamo Mennella di Casamicciola, Vittorio Ragona di Lacco Ameno; (con medaglia di bronzo) Paolo Colicchio di Ischia, Alfredo Di Iorio di S. Angelo, Gioia Di Meglio di Ischia, Liberato Grimaldi di Ischia, Ernesto Iacono di S. Angelo. <<<

     Premio di Poesia Ciro Coppola. Premio istituito nel 1978 dalla Pro Casamicciola Terme, associazione volta alla promozione economica e turistica, per ricordare la figura del giovane Ciro Coppola (v.), morto a sedici in un incidente stradale. Esso prevede l’unica sezione della poesia riservata ai gioveni delle scuole superiori ed ha superato le venticinque edizioni. Dopo essere stato riservato agli studenti delle scuole italiane, è stato poi esteso anche a quelli delle scuole d’Europa. Si avvale del patrocinio del Presidente della Repubblica.

     Premio Domenico Rea. Può considerarsi la prosecuzione del Premio Paolo Buchner, di cui lo scrittore napoletano fu il presidente per vari anni. Nacque nel 1995 appunto per ricordare la memoria e l’opera letteraria dello scrittore napoletano, su iniziativa di Davide D’Ambra, direttore del periodico Ischia Express. Opera con una giuria tecnica ed una popolare: la prima sceglie una terna di libri, la seconda il vincitore nell’ambito della terna indicata. Questo per quanto concerne la sezione della narrativa; di competenza della giuria tecnica è la scelta del vincitore nella sezione della saggistica. Una terza sezione prevede la premiazione di studenti impegnatisi nella lettura di 5 libri di autori classici: i giovani devono individuare dei brani letti dai testi dati in lettura. Altri riconoscimenti attribuiti a giudizio della giuria.
Albo del Premio:
1995 – Saggistica: Luciano Violante “Non è la piovra”. Narrativa: Aldo Zargani “Per violino solo”. Premio della giuria: Maria Orsini “Francesca e Nunziata”. Giornalismo:  Enzo Biagi “Lunga è la notte”.
1996 - Saggistica: Enrico Deaglio “Bella Ciao”. Narrativa: Giacomo Battiato “Fuori dal cielo”. Premio della giuria: Lina Wertmuller e cast del film “Ninfa Plebea”.
1997 – Saggistica: Gherardo Colombo “Il vizio della memoria”. Narrativa: Luciana Viviani “Le viceregine di Napoli”. Premio della giuria: Gherardo Colombo e Raffaele La Capria.
1998 – Saggistica: Francesco Misiani e Carlo Bonini “La toga rossa”. Narrativa: Gianpaolo Rugarli “Una gardenia nei capelli”. Premio della giuria: Giuseppe Patroni Griffi. Premio del Comune a Giuseppe Ferrandino “Pericle il nero”.
1999 – Saggistica: Piero Bottani “Sulle orme di Ulisse”. Narrativa: Enrico Micheli “L’uomo col panama”. Premio della giuria: Pino Simonetti per l’attività di regista televisivo.
2000 – Saggistica: Antonio Papa e Guido Panico “Storia del calcio in Italia”. Narrativa: Carlo Dessy “Napoli Punto e a Capo”. Premio della giuria: Luciano Varriale “Il grande cartello”. Premio alla carriera al regista Antonio Pugazzotto.
2001 – Saggistica: Romeo de Maio “Cristo e la sfinge”. Narrativa: Luciana Rollo Bancale “Maleficio mediterraneo”. Premio della giuria: Vincenzo Consolo “Al di qua del faro”. Premio allo studioso Nunzio Albanelli. Premio alla giovane promessa televisiva Serena Autieri.
2002 – Saggistica: Loris Marcucci “Dieci anni che hanno sconvolto la Russia”. Narrativa: Carmine Abate “Tra due mari”. Premio della giuria:  sindaco Giuseppe Brandi. Premio del Comune d’Ischia: Gaetano Fazio.
2003 – Saggistica: Edizioni Caroggio “L’impossibilità della storia”. Narrativa: Renato Gomez d’Ayala “Tavola di Tano”. Premio alla carriera: Annamaria Ackermann. Premio del Comune d’Ischia: don Agostino Iovene. Targa d’argento: Andrej Longo.
2004 – Saggistica: Spartaco Capogreco “I campi del Duce”. Premio della giuria: Titti Marrone “Meglio non sapere”. <<<

     Premio Internazionale La Colombaia di Luchino Visconti. Premio istituito nel 2002 dalla Fondazione La Colombaia e posto sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, per ricordare il grande regista che a Forio aveva fissato la sua dimora estiva. La manifestazione si caratterizza con la consegna del Gattopardo d’oro, delle Ortensie d’argento e di altri riconoscimenti speciali.
2002 Gattopardo d’oro: Arthur Penn - Ortensie d’argento: Roberto De Simone, Maurizio Scaparro, Suso Cecchi D’Amico - Riconoscimenti speciali: Franco Iacono, Gennaro Zivelli - Dir. artistica: M. Martone.
2003 Gattopardo d’oro: Gabriele Salvatores - Ortensie d’argento: Julian Schnabel, Alida Valli, Walter Veltroni, Enrico Ghezzi, Patrizia Cavalli - Dir. artistica: Pappi Corsicato.
2004 - Gattopardo d’oro al regista Mario Monicelli; Ortensie d’argento: Mario Garbuglia, Franca Rame, Valerio Caprara, Jean Chamoun.
2005 - Gattopardo d’oro a Bertrand Tavernier del Cinema francese. <<<
               
     Premio Ischia Internazionale di Giornalismo. Nato nel 1980, come Premio Isola d’Ischia Vincenzo Telese, per iniziativa di Giuseppe Valentino, fondatore e direttore del periodico Ischia Oggi, sin dall’inizio ha voluto sottolineare l’importanza della stampa di informazione, attribuendo riconoscimenti alle sue firme migliori, al valore etico e professionale dei giornalisti prescelti, ma nello stesso tempo ha mirato ad attirare l’attenzione sul luogo-palcoscenico della premiazione, Ischia. Inizialmente venivano premiati gli autori di articoli, servizi, documentari radiotelevisivi volti a far conoscere in Italia e all’estero le attrattive turistiche e climatiche dell’isola d’Ischia, nonché delle rinomate sue sorgenti termali; una seconda sezione invece era rivolta ad un tema specifico, scelto di anno in anno. Nel 1984, con la V edizione, si ebbe un cambiamento della formula: non più temi obbligati, ma scelta autonoma da parte della giuria di servizi e inchieste giornalistiche sui problemi attuali; non più l’invito a partecipare ma selezione autonoma. Inoltre fu introdotta un’altra iniziativa culturale: un incontro-dibattito pubblico su un argomento di attualità da parte di un gruppo di giornalisti. L’albo d’oro del Premio testimonia l’autorevolezza che esso ha assunto sul piano nazionale ed internazionale, in quanto ha premiato giornalisti di altissimo livello professionale. Gli orizzonti del Premio sono stati ulteriormente ampliati dalla partecipazione della Televisione e dal riconoscimento dell’Alto Patronato del Presidente della Repubblica.
Albo del Premio:
1980 Premio Internazionale: Indro Montanelli - Riconoscimenti speciali: L. Skulima, M. Thibaut, T. Barry, L. Schenk, E. Ferraù, G. Rossone, A. Lorizzo.
1981 Premio Internazionale: Jean Lewis - Riconoscimenti speciali: Domenico Petrocelli, Marcella Ciannelli, Gianna Franceschi, Francamaria Trapani.
1982 Premio Internazionale:: Maurice Kettneker - Riconoscimenti speciali: Riccardo Scarpa, Rosario Mazzitelli, Manuela Lucchini, Clara Di Meglio, Francesco Fermo (alla memoria).
1983 Premio Internazionale: Liliane Palette - Riconoscimenti speciali: V. Presicci, Karl von Schneider, M. Spagni, D. farina, M. Accolti, I. Khune, F. Ricci.
1984 Per la prima volta è diviso in quattro sezioni. Premio Internazionale: Giorgio Bocca - Carta stampata: Cesare Rizzoli - Televisione: Albino Longhi - Agenzie di stampa: Klaus Bender.
1985 Premio Internazionale: Alberto Ronchey - Carta stampata: Chiara Valentini - Televisione: Piero Angela - Agenzie di stampa: Bruno Marolo - Riconoscimento speciale: R. Morris Cohen.
1986 Premio Internazionale:: Enzo Biagi - Carta stampata: Pasquale Nonno - Televisione: Emanuela Goggiamani - Agenzie di stampa: James Buxton. Riconoscimento speciale: C. Rognoni e G. Fantuzzi.
1987 Premio Internazionale: Giulio Andreotti - Carta stampata: Guglielmo Zucconi e Sandro Majer - Agenzie di stampa: Pio Mastrobuoni - Riconoscimento speciale: Tana de Zelueta.
1988 Premio Internazionale: Biagio Agnes - Carta stampata: Piero Ottone - Agenzie di stampa: Gianna Naccarelli - Riconoscimento speciale: Joaquim Navarro Valls e Leonardo Zega.
1989 Premio Internazionale: Giovanni Spadolini - Carta stampata: Claudio Rinaldi -  Agenzie di stampa: Victor e Daniela Simpson.
1990 Premio Internazionale: Harrison E. Salisbury - Carta stampata: Sergio Zavoli - Riconoscimento speciale: Roberto Napolitano.
1991 Premio internazionale: Peter Arnett - Carta stampata: Mario Pendinelli - Riconoscimenti: Horst Dammash e Osvaldo de Paolini.
1992 Premio Internazionale: Demetrio Volcic - Agenzie di stampa: N. C. Nanzel e G. F. Aigner - Ricooscimento: Massimo Lo Cicero.
1993 Premio Internazionale:: Ugo Stille - Carta stampata: Mario Pirani - Televisione: Andrea Barbato.
1994 Premio Internazionale: Ezio Mauro - Carta stampata: Frank Cimini - Televisione: Carla Mosca - Riconoscimento speciale: alla memoria di Ilaria Alpi e degli operatori RAI uccisi in Bosnia e Somalia.
1995 Premio Internazionale: Walter Cronkite - Carta stampata: Vittorio Feltri - Televisione: Enrico Mentana.
1996 Premio Internazionale: Eugenio Scalfari - Carta stampata: Carlo Rossella - Televisione: Gianni Riotta - Agenzie di stampa: Bruno Caselli - Riconoscimenti Fedele Confalonieri e Giuseppe Morello.
1997 Premio Internazionale: Indro Montanelli (alla carriera) - Carta stampata: Giannantonio Stella - Televisione: David Sassoli - Agenzie di stampa: Giampiero Gramaglia.
1998 Premio Internazionale: Candido Cannavò - Carta stampata: Stefano Folli - Televisione: Emanuela Falcetti - Agenzie di stampa: Ciro Fusco - Riconoscimento speciale: Aldo Biscardi.
1999 Premio Internazionale: Jean Marie Colombani - Carta stampata: Pietro Calabresi - Televisione: Bruno Vespa - Radio: Antonio Russo - Agenzie di stampa: Giuseppe Tripaldi.
2000 Premio Internazionale: Paolo Mieli - Carta stampata: Lietta Tornabuoni - Televisione: Clemente Mimun - Radio: Pasquale Borgomeo - Agenzie di stampa: Damiano Iovino - Riconoscimenti speciali: Gaetano Afeltra alla carriera e alla memoria di Paolo Frajese.
2001 Premio Internazionale: Arrigo Levi - Carta stampata: Natalia Aspesi - Televisione: Maurizio Costanzo - Radio: Paolo Ruffini - Agenzie di stampa: Luciano Clerico - Riconoscimento speciale: Igor Man.
2002 Premio Internazionale: Peter Stothard - Carta stampata: Miriam Mafai - Televisione: Gad Lerner e Giuliano Ferrara - Radio: Alfredo Provenzali - Agenzie di stampa: Giuseppe Marra - Telefotoreporter: Alessandro Bianchi - Riconoscimento speciale: alla memoria di Raffaele Ciriello e di Maria Grazia Cutuli.
2003 Premio internazionale: Ferruccio De Bortoli - Carta stampata: Mario Cervi - Televisione: Alessandro Cecchi Paone - Radio: Ferdinando Pellegrino - Agenzie di stampa: Piercarlo Presutti - Riconoscimento speciale: Antonio Ghirelli alla carriera, alle giornaliste televisive in Iraq, a Elio Sparano per i 50 dell’informazione TV in Italia.
2004 (Festeggiati i 25 anni) Premio internazionale: Jesus Ceberio - Carta stampata: Marcello Sorgi - Televisione: Piero Marrazzo - Radio: Eduardo Montefusco - Agenzie di stampa: Sania Nakhoul - Premio speciale per le agenzie di stampa: Erfan Rashid - Telefotoreporter: Guido Cravero - Premio speciale per i 50 anni della TV: Biancamaria Piccinino - Premio Ischia in ricordo di Angelo Rizzoli: Pierluigi Diaco, Dario Del Porto, Emanuele Farneti, Federico Pini -  Premio speciale al giornalismo dell’isola: Domenico Di Meglio - Premio La Penna d’argento agli over 80 dell’albo d’oro: Gaetano Afeltra, Giulio Andreotti, Enzo Biagi, Giorgio Bocca, Mario Cervi, Walter Cronkite, Antonio Ghirelli, Igor Man, Eugenio Scalfari e Sergio Zavoli.  
 
     Premio Isola d’Ischia. Istituito nel 1954 dall’EVI (Ente Valorizzazione Isola d’Ischia), con periodicità annuale e dedicato di volta in volta ad un particolare settore artistico o professionale (arti figurative, artigianato, cinema, fotografia, giornalismo, musica). La prima edizione fu dedicata al giornalismo con tre sezioni: Articoli di terza pagina (ex aequo “Palmo a palmo va scoperta Ischia” di Antonio Pugliese del Roma, e “Cronaca su Ischia” di Sergio Maldini del Resto del Carlino) – Articoli su periodici illustrati (ex aequo “Soggiornano a Ischia i moschettieri di Elisabetta”  di Luigi Forni di Epoca, e “Oggi a Ischia” di Vittorio Paliotti di Candido) – Articoli su periodici non illustrati (“Ischia elisir di giovinezza” di Camillo Mariani dell’Anguillara del Giornale del Turismo). La seconda edizione (1955) fu dedicata alla fotografia. <<<

     Premio Ischia Onofrio Buonocore. Istituito dal Comitato (presidente dott. Domenico Bizzarro, segr. Raffaele Mattera) intitolato al noto studioso ischitano nel 1973 e assegnato a personaggi «adoperatisi in favore della comunità isolana nelle molteplici attività umane: culturali, sociali, turistiche, ricreative, e per la loro opera di valorizzazione dei costumi, delle tradizioni, della operosità delle genti, delle bellezze naturali d’Ischia». Nella prima edizione furono premiati, tra gli altri, Billy Wilder, regista del film Avanti girato ad Ischia, e Giacomo Deuringer. <<<

     Premio Letterario Maria Francesca Iacono. Premio istituito dal periodico Rivista Letteraria, diretto dal prof. Giuseppe Amalfitano, e riservato agli autori italiani. Comprende le sezioni concernenti la poesia, il racconto, il saggio, in alternativa negli anni o in contemporaneità.

     Premio Luchino Visconti. Manifestazione culturale istituita nel 1987 dal Comune di Forio, per ricordare il regista che a Forio, nella villa La Colombaia, aveva la sua dimora estiva. Nel suo contesto si svolgevano conferenze, dibattiti, proiezioni cinematografiche; e fu anche deciso di attribuire un riconoscimento annuale (detto Premio Persona) ad una personalità distintasi nel mondo del cinema, del teatro e della televisione. Esso nel 1988 andò a Marcello Mastroianni. <<<

     Premio per autori cinematografici Angelo Rizzoli. Istituito nel 1972 dall’Ente Provinciale per il Turismo (presidente avv. Luigi Torino), con la collaborazione dei Comuni isolani e dell’Azienda di Cura, Soggiorno e Turismo delle Isole d’Ischia e Procida, ha raggiunto quindici edizioni. Oltre al Premio assegnato dalla Giuria, veniva conferito anche il Premio del pubblico (il Fungo d’argento, messo in palio dal Comune di Lacco Ameno) al film più votato tra quelli in gara e proiettati gratuitamente nelle sale cinematografiche dell’isola. La serata finale si svolgeva in una struttura di Lacco Ameno. Nel 1983 si ebbe anche la sezione riservata al cinema giovane. Altri riconoscimenti erano attribuiti al miglior attore e alla migliore attrice.
1972  Vincitore: L’udienza di Marco Ferreri con Claudia Cardinale,  Enzo Iannacci, Ugo Tognazzi
1973  Terna finalista: Ludwig di Luchino Visconti, La villeggiatura di Marco Leo, Il delitto Matteotti di Florestano Vancini - Vincitore: Ludwig di Luchino Visconti - Premio  del pubblico: La villeggiatura di Marco Leo. La prevista cerimonia di premiazione fu rinviata al 1974, a causa dell’infezione colerica che si era verificata nel Napoletano.
1974 Terna finalista: Amarcord di Federico Fellini, Il portiere di notte di Liliana Cavani, Pane e cioccolata di Franco Brusati - Vincitore: Amarcord di Federico Fellini (vince anche il Premio del pubblico).
1975  Terna finalista: Professione Reporter di Michelangelo Antonioni, Fatti di gente perbene di Mauro Bolognini, C’eravamo tanto amati di Ettore Scola - Vincitore: Professione Reporter di Michelangelo Antonioni. Premio del pubblico: Fatti di gente perbene.
1976  Terna finalista: Salò o le 120 giornate di Sodoma di Pier Paolo Pasolini, Matti da slegare di Marco Bellocchio, Amici miei di Mario Monicelli - Vincitore: Salò di P. P. Pasolini (ma il film non fu proiettato nelle sale cinematografiche dell’isola, perché sotto sequestro. Una premiazione quindi di protesta contro la censura. - Premio del pubblico: Amici miei di Mario Monicelli (premio non ritirato, sempre per protesta). - Cinema giovane: Irene Irene di Peter Del Monte
1977 Terna finalista: Il deserto dei Tartari di Valerio Zurlini. L’Agnese va a morire di Giuliano Montalto, Brutti, sporchi e cattivi di Ettore Scola - Vincitore: Il deserto dei Tartari di Valerio Zurlini - Premio del pubblico: Brutti, sporchi e cattivi di Ettore Scola - Cinema giovane: Un cuore semplice di Giorgio Ferrara.  Io sono un autarchico di Nanni Moretti, Standard di Stefano Petruzzelli
1978 Terna finalista: Allegro ma non troppo di Bruno Bozzetto, Il gabbiano di Marco Bellocchio, Una giornata particolare di Ettore Scola - Vincitore: Una giornata particolare di Ettore Scola - Premio del pubblico: Il gabbiano di Marco Bellocchio - Cinema giovane: Homo sapiens di Fiorella Mariani, Ecce bombo di Nanni Moretti,  Non contar su di noi di Sergio Nuti
1979 Il premio muta la denominazione in Premio Ischia Cinema, dopo lo scandalo della P2 - Terna finalista: Cristo si è fermato a Eboli di Francesco Rosi, L’albero degli zoccoli di Ermanno Olmi, Dimenticare Venezia di Franco Brusati - Vincitore: Dimenticare Venezia di Franco Brusati - Cinema giovane: Passaggi di Claudio Fragasso, Morte di un operatore di F. Rosato - Volontari per destinazione ignota di Alberto Nagrin
1980 Dati mancanti
1981  Terna finalista: Ricomincio da tre di Massimo Troisi, Tre fratelli di Francesco Rosi, Immacolata e Concetta di Salvatore Piscicelli. - Vincitore: Ricomincio da tre di Massimo Troisi. Premiati: Massimo Troisi, Ida Di Benedetto, Francesco Rosi. - Cinema Giovane: Il Falco e la colomba di Fabrizio Lori (vincitore del Premio del pubblico: il Fungo d’argento), AAA. Giovane dinamico moderno di Salvatore Esposito, Stupende le mie amiche di Alessandro Scalco. - In questa edizione si svolse anche il Primo Festival Cabaret, i cui finalisti furono: Gianni Ansaldi, Francesco Salvi, Mauro Di Francesco (vincitore), Paolo Rossi.
1982 -Terna finalista: Borotalco di Carlo Verdone, Piso Pisello di Peter Del Monte, Ad Ovest di Paperino di Alessandro Benvenuti. - Vincitore: Piso Pisello di Peter Del Monte. Premio del pubblico: Borotalco di Carlo Verdone. Premiati: Alberto Sordi, Eleonora Giorgi, Beppe Grillo, Liv Ulmann,Valeria d’Obici, Alessandro Haber, Mario Cecchi Gori.
1983  Terna finalista: Colpire al cuore di Gianni Amelio, Io, Chiara e lo Scuro di Maurizio Ponzi, La notte di San Lorenzo di P. e V. Taviani. -  Vincitore: Colpire al cuore di Gianni Amelio. Premio del pubblico: Io, Chiara e lo Scuro di Maurizio Ponzi. Miglior attore: Francesco Nuti, migliore attrice: Mariangela Melato.  - Cinema giovane: Andando per feste di Nino Rosso (vincitore), Fuori dal giorno di Paolo Bologna, Herengard di Emidio Greco.
1984 Terna finalista: Ballando Ballando di Ettore Scola, Bianca di Nanni Moretti, Una gita scolastica di Pupi Avati. - Vincitore: Ballando Ballando  di Ettore  Scola - Premio del pubblico: Una gita scolastica. Migliore attrice: Monica Scattini. Miglior attore: Ugo Tognazzi - Fu ricordato l’attore italo-americano nativo di Lacco Ameno Edoardo Ciannelli con la proiezione di alcuni suoi film, come Processo alla Città e Patto col diavolo. - Cinema giovane: Flirt di Roberto Rosso, Dentro la casa di Francesco de Chiara, La verità non si dice mai di Maria Bosio (tutti premiati ex aequo).
1985 - Terna finalista: Carmen di Francesco Rosi; Kaos dei fratelli Taviani; Noi tre di Pupi Avati.  - Vincitore: Carmen di Francesco Rosi, cui andò anche il premio del pubblico. Miglior attore: Omero Antoniutti; migliore attrice: Enrica Maria Modugno; premio stampa europea: Antonio Pineda (Spagna). - Cinema giovane: Chi mi aiuta? di Valerio Zecca (vincitore), Ybris di Gavino Ledda, Il mistero del Morca di Marco Mattolini. <<<

     Premio Paolo Buchner. Istituito dal periodico Ischia Express di Davide D’Ambra nel 1981 e proseguito sino al 1994, presieduto dallo scrittore Domenico Rea, con un concorso riservato agli alunni delle classi quinte elementari sul tema “Se fossi giornalista, cosa scriveresti del tuo paese?”. Poi è proseguito negli anni su temi sempre diversi. - 1983: dedicato a studiosi italiani nel campo della ecologia marina; 1984: concorso fotografico sul tema “Un’isola da salvare”. - 1985, tema: Un’isola da salvare. Premiati: “Abusivismo sull’Epomeo” di Lucia Battaglia; “Abusivismo” di Vincenzo Rando; “Forio” di Giuseppina D’Acunto; “Anziani affacciati” di Felice Trani; “Spiaggia” di Elio Conte. - 1986, tema: Storia, Arte, Leggenda sull’isola d’Ischia. Premiati: (non attribuito il primo premio); “La ‘Ndrezzata” di Paola Iovene; “La colonia di Pithekoussai” di Mauro Iovino; menzione per i lavori: “Edicole votive a Ischia” di Giampietro Calise e Vincenzo Rando, “Il mito del gigante Tifeo” di Livio D’Ambra e Ciro Matarese. <<<

     Premio per il giovane cinema. Sezione abbinata dal 1983 al Premio Ischia per autori cinematografici, organizzato dall’Ente Provinciale per il Turismo in collaborazione con i Comuni isolani. Era assegnato all’autore italiano del miglior film a soggetto mai presentato nei circuiti cinematografici e televisivi. <<<

     Presepe in famiglia. Concorso a premi per presepi di famiglia più belli, organizzato dal periodico Ischiamondo dal 1973, con il patrocinio del vescovo, e proseguito negli anni successivi con sempre maggiori consensi ed una più larga partecipazione.

     Primavera della canzone. Manifestazione giunta nel 1975 alla V edizione, organizzata da Nino Balestrieri e Cosimo De Felice. Le tre serate furono presentate da Isabella Biagini e Aldo Dell’Isola. Vincitori girone A: il Gruppo Folk Ischia (al II posto Giovanni Lorini); girone B: Paola Canale (al II posto Erminia Forni).

     Principesse (Bagno delle). Iasolino chiama così il bagno di Olmitello, per avervi felicemente curato la Principessa di Bisignano, Isabella Feltria della Rovere, e la Principessa di Scalea, Caterina Orsini. <<<

     Privilegi Aragonesi. Sotto questa denominazione sono indicate le molteplici concessioni che in vari anni i sovrani aragonesi hanno fatto alle popolazioni isolane e che consistevano in franchigie di grani, grassi, sale, ferro; in dispense dal pagare tasse; in facoltà di costruire torri e fortini; in permessi di tener fiere, come nella festa di S. Restituta; in concessioni delle terre e dei litorali demaniali. Nei nostri tempi vari momenti contenziosi si sono avuti tra i Comuni e il Demanio.

     Pro Casamicciola Terme. Associazione per la promozione turistica, economica, culturale e sportiva della più antica cittadina termale dell’isola d’Ischia, costituita nel 1974, riconosciuta come ente di rilievo della Regione Campania per l’attività di rilevante interesse educativo e culturale espletata. Organizzatrice del Premio Internazionale di Poesia Ciro Coppola (v.), istituito nel 1978. <<<

     Procida. Isola, come Capri e Ischia, facente parte dell’arcipelago campano. Secondo alcuni storici costituiva originariamente un unico massiccio con Ischia, da cui poi si sarebbe staccata. Ha una densità di popolazione molto alta, quasi 3.000 ab. per kmq. Di rilievo sono la Processione del Venerdì santo (I Misteri), il Premio Elsa Morante.

     Professoressa di scienze naturali, La (Film erotico del 1976, Italia). Regia: Michele Massimo Tarantini. Attori: Gianfranco Barra, Lilli Carati, Mario Carotenuto, Rita De Simone, Adriana Facchetti, Gastone Pescucci, Alvaro Vitali, Michele Gammino, Giacomo Rizzo. Trama: Il liceo di una cittadina siciliana rimane privo della insegnante di scienze, quando la matura prof. Mastrilli, mettendo insieme sbadatamente acido nitrico e acqua distillata nel corso di un esperimento, si automette fuori combattimento. Su consiglio del farmacista Nicola Balsamo, viene richiesta e ottenuta la neolaureata Stefania Marini, la cui fresca avvenenza mette in agitazione amorosa tanto gli studenti quanto i rispettivi genitori. Ma è proprio il figlio del farmacista, Andrea, a centrare per primo il cuore indifeso dell’insegnante che, però, accetta la corte del ricchissimo dr. Peppino. Un giorno, approfittando di un incidente di navigazione, Andrea e Stefania si amano tra le onde. Ciò nonostante, la professoressa sposa il medico senza per questo rinunciare alla relazione con il proprio alunno (da cinematografo.it). <<<

     Pro-Loco S. Alessandro. Associazione nata nel 1981 per volontà di residenti e ospiti abituali del borgo di Sant’Alessandro in Ischia Porto. La sua attività ebbe inizio con la ristrutturazione della locale omonima chiesetta, restituendole le originarie linee architettoniche. Nel contempo fu avviata l’organizzazione di una sfilata dei costumi storici, con la partecipazione di oltre duecento figuranti e con un fastoso corteo che, partendo dal Castello aragonese, attraversa il corso principale del paese sino al porto. La manifestazione si svolge il 26 agosto e nel tempo si è sempre più affermata come un richiamo significativo dell’estate ischitana. Sono stati spesso anche proposti gemellaggi con associazioni culturali di altre località italiane ed estere. <<<

     Promontorio S. Angelo. «Un vago promontorio – scrive il D’Aloisio – a guisa di penisola di figura circolare che, contenendo nella sua sommità una torre con la cappelluccia di S. Angelo nella salita di essa torre, vien chiamato Promontorio S. Angelo». Della torre non restano che ruderi: essa aveva una grossa artiglieria e crollò per incendio nel 1809 all’epoca dell’occupazione francese. Un istmo di sabbia congiunge il promontorio al paese omonimo.

     Provitola, Gilberto (Caserta 1901–Ischia 1981). Fotografo, si trasferì a Ischia nel 1930 e vi aprì uno studio. Era presente in tutte le manifestazioni pubbliche, ma soprattutto riprese con la sua Kodack i personaggi che frequentavano l’isola: politici, artisti, attori, attrici, costituendo un interessante punto di riferimento per riviste e giornali. Gli angoli più caratteristici dell’isola, da lui ripresi e riproposti su cartoline o giornali, costituiscono la testimonianza di una Ischia suggestiva di tanti anni fa. Si immaginò poi anche scienziato ed inventore e registrò numerosi brevetti. Tra l’altro, pensò di poter intervenire a risolvere il problema della fame nel mondo con la produzione di spighe di grano di pronta crescita e di dimensioni superiori a quelle normali. <<<

     Ptèride (Pteris longifolia - Fam. Polipodiacee). Felce rizomatosa perenne con fronde glabre o pelose. Cresce in luoghi ombrosi e umidi. Nell’isola d’Ischia vive e vegeta in colonie di pochi individui in alcuni valloni di Casamicciola Terme. Fu trovata per la prima volta nel 1802 dal botanico Michele Tenore, e poi nel 1854 da Giovanni Gussone.

     Punta Caruso. Zona terminale della collina di Zaro.

     Punta Chiarito. Località sul versante meridionale dell’isola, ad ovest di Sant’Angelo, in cui è stato individuato un insediamento databile tra la fine del  VII e i primi decenni del  VI secolo a. C., grazie alla scoperta di una struttura abitativa con una notevole quantità di vasellame ceramico: frammenti di intonaco, ami da pesca e gusci di molluschi. Al di sotto di questo paleosuolo sono comparsi due muretti a secco relativi ad un secondo livello abitativo, databile all’ultimo quarto dell’VIII secolo. <<<

     Punte sono numerose e cioè: della Cannuccia, di Grotta di Terra o del Bordo, della Parata o Centoremi, del Lume o Volume a Sud-Est; di Caterina e della Pisciazza o Bisaccia ad Est; del Molino, di S. Pietro e di S. Alessandro a Nord nel Comune d’Ischia - del Castiglione, della Scrofa, di Perrone e Sarangelo al Nord nel Comune di Casamicciola - del Pozzo, di S. Restituta, di Vico e del Lacco a Nord nel Comune di Lacco Ameno - Cornacchia, Spaccavello al Nord-Ovest, Caruso, del Soccorso o di S. Francesco, Imperatore all’Ovest, dello Schiavo, della Cima o del Piliaro a Sud-Ovest e del Chiarito a Sud nel Comune di Forio -  di Sant’Angelo a Sud nel Comune di Serrara Fontana - dei Maronti, della Gnora o Signora, Cavallaro e di S. Pancrazio a Sud nel Comune di Barano.

     Purrmann, Hans (? – 1963). Pittore tedesco, che nel 1953 venne a Ischia, dopo il soggiorno di due anni a Sorrento, e prese alloggio alla Pensione Macrì sul porto. Da allora vi ritornò ogni anno sino al 1958 e, via via, portò con sé vari altri artisti tedeschi. Scoprì Luigi De Angelis, dei cui quadri restò ammirato, e lo fece conoscere al Circolo dei pittori di Berlino. In giro per l’isola ne dipinse gli angoli più suggestivi; dalla camera della sua pensione si compiaceva osservare il porto e le attività che si svolgevano al suo interno e sulle sue rive, raffigurate in due suoi quadri. «I colori e il cromatismo che riflettono queste due tele sono affascinanti: vi si legge lo stupore dell’artista nello scoprire la luce mediterranea che contrasta fortemente con i cieli malinconici di molti paesi nordici» (Gino Barbieri).

  <<<